Archivio per la categoria ‘Computers e Affini’

Oggi prleremo di un plug-in Jquery da me ideato.

Si tratta di una slideshow di immagini di fondo ai nostri siti.

Per il momento gli unici parametri configurabili sono il tempo di permanenza delle immagini e il loro fade di ingresso.

Il tutto è molto semplice.

Poche mosse ed è tutto pronto.

Scaricate Jquery 1.4.2 o superiore , il foglio di stile (CSS) e lo script (javascript) di fadebackground (link in fondo).

Inserite il tutto all’interno del tag head della vostra masterPage in questo modo:


<head>
<title></title>
<script src="scripts/jquery-1.4.2.min.js" type="text/javascript"></script>
<script src="scripts/fadeBackground.js" type="text/javascript"></script>
<link href="css/fadebackground.css" rel="stylesheet" type="text/css" />
</head>

Benissimo ora siamo pronti a posizionare le immagini.

Immettiamo subito dopo il tag body un tag DIV con le immagini nel seguente modo:


<div id="bgFader"><img src="immagini/rotazione/panorama.jpg" alt="" />
<img src="immagini/rotazione/panorama-piazzola.jpg" alt="" />
<img src="immagini/rotazione/pescatori.jpg" alt="" />
<img src="immagini/rotazione/piazzola.jpg" alt="" />
<img src="immagini/rotazione/solarium.jpg" alt="" />
</div>

Si faccia particolare attenzione all’ID del tag DIV. DEVE ESSERE SCRITTO COME IN ESEMPIO

Benissimo.

Ora sempre all’interno della nostra pagina master dobbiamo identificare il contenitore base.

Per una msterpage aspx il contenitore sarà identificato da una cosa del genere:


<div id="content"  >
<asp:ContentPlaceHolder ID="ContentPlaceHolder1" runat="server">
</asp:ContentPlaceHolder>
</div>

Ecco. Noi dobbiamo identificare il tag DIV contenitore del ContentPlaceHolder con l’ID content.

Ultimo passo e avviare lo script.

Come?

Semplice.

A fine masterpage inserite lo script cosi come segue:


<script>
fadebackground.init();

</script>

Dopo ciò abbiamo finito il vostro fade dovrebbe partire senza alcun problema.

Come sopra anticipato si possono cofigurare, er l momento, solo 2 parametri:

time – tempo di permanenza

fade – tempo di ingresso dell’immagine

Di default il tempo di permanenza è di 5 secondi e quello di fade e 3 secondi ma cambiabile a piacmento.

esempio di codice:


<script>
fadebackground.init({
fadeIn: 5000,
time:15000
});
</script>

Con questo esempio abbiamo impostato un tmo di permanenza delle foto  a 15 secondi e un fade di 5.

Spero di essere stato abbastanza chiaro nell’esprimermi.

Per qualsiasi chiarimento sono qui.

Saluti.

Link dowload JQUERY

Link download CSS fadeBackground

Link download Script fadeBackground

La sezione BUG e MIGLIORAMENTI è qui per dargli maggiore visibilità

Allora cominciamo con le modifiche:

E stato aggiornato un BUG sulla trasparenza del DIV MASTER. Scaricate il nuovo file


Buongiorno,

oggi sono qui a presentarvi un nuovo plugin JQuery: SLIDING.

SLIDING è un plugin che vi permette di creare uno splendido effetto movimento per il vostro sito.

In pratica si è pensato di creare un vero e proprio menu grande quanto tutto la pagina(questa la mia idea) ma ovviamente lui si regola in base al suo contenitore.

Nel caso in cui il contenitore non abbia un altezza impostata, SLIDING prenderà l’altezza della finestra del browser come impostazione base.

Infatti il plugin è auto regolabile in base alle dimensioni di risoluzione.

Scaricate la demo in fondo alla pagina prima di continuare a leggere.

Per questo plugin è stata utilizzara la versione 1.7 di Jquery scaricabile dal sito stesso di Jquery 🙂 .

Allora cominciamo.

Per prima cosa aprimo la nostra bella pagina HTML/ASP/ASPX/PHP ec…….

Andiamo ad inserire all’interno dell’head in nostri file JS di jquery e quello del plugin SLIDING.

In più aggiungiamo il CSS del plugin SLIDING.

In tutto ci dovremmo trovare in questa situazione:

<html xmlns="http://www.w3.org/1999/xhtml">
<head runat="server">
<title></title>
  <link href="css/sliding.css" rel="stylesheet" type="text/css" />
  <script src="scripts/jquery-1.7.min.js" type="text/javascript"></script>
  <script src="scripts/sliding.js" type="text/javascript"></script>
</head>
<body>
<form id="form1" ">

</form>
</body>
</html>

Dopo di che andiamo a inserire il codice HTML necessario al funzionamento del plugin:

<div>
  <div class='piccoli'></div>
  <div class='piccoli'></div>
  <div class='piccoli'></div>
  <div class='piccoli'></div>
  <div id="master">
  </div>
</div>

Spieghiamo:ogni DIV con classe PICCOLO rappresenta l’unita cliccabile di piccole dimensioni, mentre il DIV MASTER rappresenta il contenitore del contenuto.

Bisogna guardare la DEMO per capirne bene il funzionamento e le specifiche.

Continuiamo:

Ora non resta che avviare il nostro script subito dopo il caricamento dell’intera pagina in questo modo:


<script>
$(document).ready(function () {
sliding.init();
});
</script>

Solo creando e impostando queste piccole cose il plugin funziona correttamente, ma ci sonoun po di parametri che e possibile impostare:

  • time (ms)  :  numerico – imposta il tempo di spostamento degli element. Di default è impostato a 1500 ms
  • childrenHover :  0/1 – setta o meno l’effetto del passaggio sui DIV con classe PICCOLI. Di default = 1
  • segnaPosto : 0/1 – setta o meno l’effetto di elemento DIV selezionato
  • segnaPostoHTML : stringa – HTML da passare per impostare il segnaposto. Necessario segnaPosto=1.  Di default = <div></div> in modalità trasparente bianco
  • classPiccoli : stringa – classe assegna ai DIV PICCOLI se impostate una classe diversa da”piccoli”.Di default ovviamente è “piccoli”
  • IDmaster : stringa – ID del DIV MASTER se gli assegnate un’ID diverso da “master”. Di default ovviamente è “master”
  • marginElement (px) : numerico – setta la spaziatura tra tutti i DIV nel contesto.
  • diffHeight (px) : numerico – setta una spaziatura in altezza per rimpicciolire le dimensioni del plugin.
  • piccoliWidth : stringa – setta la dimensione dei DIV PICCOLI. si può inpostare in qualsiasi unità o percentuale.

Potete scaricare tutti gli script con una pagina di esempio QUI

Se avente miglioire da comunicare o critiche , sono qui ad aspettare

Ciaooooo

Per chi oggi ha 40 anni, Commodore 64 è un nome che provoca una piccola lacrima di nostalgia: innovativo sotto molti punti di vista, questo computer ha debuttato nel 1982 e ha ottenuto un successo enorme in tutto il mondo. Evoluzione del precedente Commodore VIC-20 e destinato a essere poi soppiantato dal più evoluto Amiga, è stato per anni il personal computer di riferimento per i videogiochi.
A distanza di quasi 30 anni, il marchio è stato recuperato e un nuovo Commodore 64 è pronto a debuttare. Quello che la gioia di tutti i nostalgici è che questo dispositivo usa una scossa pressoché identica a quella originale, con il computer completamente integrato all’interno della grossa tastiera grigia. Al suo interno però batte un cuore moderno: il processore è un Intel Atom D525 a 1,8 GHz, supportato dal sistema grafico Nvidia ION2 e da 2 GB di memoria, espandibile a 4 GB. Sarà disponibile in cinque modelli diversi, che vanno dal solo case esterno, per chi vuole assemblare da solo il proprio computer, fino alla versione Ultimate, che integra lettore Blu-ray, Wi-Fi e disco fisso da 1 TB.Rinnovata naturalmente anche la dotazione di collegamenti: 4 USB 2.0, HDMI, DVI-D, VGA, PS2 per il mouse e uscita audio analogica e digitale.

Commodore_64_euronics02

Considerate le caratteristiche tecniche, il nuovo Commodore 64 si presenta come un perfetto media center, da tenere in salotto collegato al televisore HD e da sfruttare come riproduttore di audio e video. Certo, il design particolare potrebbe non piacere a tutti, ma per chi ricorda il vecchio Commodore 64 sarà un vero tocco di classe. In alternativa, volendo personalizzare la configurazione, è possibile sfruttare il case per creare una macchina da gioco che ha poco da invidiare alle moderne console.
Di base il nuovo Commodore 64 viene venduto con installato Linux Ubuntu, ma supporta anche Windows. Inoltre sarà a breve disponibile una versione ottimizzata di Commodore OS 1.0, il sistema operativo originale, che potrà essere utilizzato esattamente come 30 anni fa, insieme a una collezione di videogiochi d’epoca. Chi acquista subito il Commodore 64 riceverà gratuitamente queste aggiunte appena saranno disponibili. Non si sa ancora se verrà distribuito direttamente in Italia e tramite quali canali.

Per visualizzare il sito dove acquistare e per vedere gli altri modelli in vendita clicca QUI

fonte: euronics.it

Come detto qualche giorno prima di Capodanno, le novità tecnologiche del 2011 saranno tante e importanti. Fra queste, saranno molte quelle che porteranno la firma di Microsoft e che – dai browser (IE9) ai sistemi operativi (Windows 8) – ci aiuteranno a capire se la strada intrapresa da Steve Ballmer per la sua azienda è quella giusta o meno.

 

In attesa che tutto ciò avvenga e che queste belle novità acquisiscano un profilo ben definito, abbiamo pensato di fare una bella panoramica su quelle che saranno le principali novità Microsoft del 2011 elencando prodotti, servizi e possibili sorprese che il colosso di Redmond potrebbe presentare nei vari eventi pubblici a cui parteciperà nel 2011. Se vi va, trovate tutto in dettaglio qui sotto.
  • Windows ARM per tablet: al CES 2011 del prossimo 5 gennaio Microsoft potrebbe presentare un nuovo sistema operativo per tablet sviluppato in collaborazione con ARM, la principale casa produttrice di processori per smartphone e dispositivi mobili. Ve ne abbiamo parlato ampiamente in un post di qualche giorno fa.
  • Windows 8: il sistema operativo più atteso dell’anno (insieme a OS X Lion e Chrome OS) dovrebbe debuttare con la sua prima beta pubblica in concomitanza con la PDC 2011, evento programmato per la fine dell’anno ma ancora privo di data o location ufficiale. Alcuni rumor sostengono che nuovi dettagli su Windows 8 potrebbero essere svelati anche nel corso del CES di gennaio.
  •  

  • Windows Phone 7.5: mentre il mondo è ancora intento a discutere sui dati di vendita di Windows Phone 7 e la sua reale capacità di contrastare la concorrenza, Microsoft sta già preparando un bel “Mango”, nome in codice della prossima versione del suo sistema operativo per smartphone. L’OS, che potrebbe essere identificato in Windows Phone 7.5 (un aggiornamento minore, quindi), potrebbe essere svelato al Mobile World Congress 2011 di Barcellona (14-17 febbraio 2011) e, secondo le ultime voci di corridoio, dovrebbe includere il supporto ad HTML5 e Silverlight.
  • Kinect per PC: la Game Developer Conference 2011 programmata a San Francisco dal 28 febbraio al 4 marzo prossimi potrebbe essere l’occasione perfetta per Microsoft di svelare al mondo i suoi piani futuri per Kinect. Il rivoluzionario sistema di controllo “hands-free” per Xbox 360 approderà anche su PC? Voci sempre più insistenti dicono di sì, noi non possiamo che incrociare le dita e sperare che sia davvero così.
  • Internet Explorer 9: sette mesi di beta e versioni preliminari sono abbastanza per un browser. Microsoft potrebbe dunque presentare la versione finale di Internet Explorer 9 nel corso del MIX ‘11, evento in programma ad Atlanta dal 10 al 13 aprile prossimi. La prima versione RC del navigatore potrebbe già arrivare il 28 gennaio.
  • Silverlight 5 beta: una nuova versione del “Flash” made in Redmond è altresì attesa al Mix di aprile.
Oltre agli eventi appena elencati, Microsoft parteciperà anche all’E3 2011 (7-9 giugno a Los Angeles), in cui saranno presentate tante novità per Xbox 360 e Xbox Live; all’evento per il lancio del pacchetto aziendale Dynamics CRM 5 per la gestione delle relazioni coi clienti (20 gennaio); al Most Valuable Professional Summit di Washington (28 febbraio-2 marzo); al Microsoft Management Summit 2011 di Las Vegas (dal 21 al 25 marzo), in cui saranno presentati tutti gli ultimi prodotti e servizi per la gestione aziendale, e ad altre conferenze in cui si dovrebbe parlare di prodotti già annunciati.

Un potente virus diretto agli smartphone in Cina che funzionano con il sistema operativo Android di Google potrebbe essere il virus più sofisticato per dispositivi mobili fino ad ora, hanno dichiarato giovedì ricercatori di sicurezza. L’azienda antivirus Lookout Mobile Security calcola che il numero di telefoni che sono stati attaccati dal virus, conosciuto come Geinimi, oscilla tra le decine di migliaia e centinaia di migliaia. I ricercatori hanno dichiarato che ancora non ha seminato caos e che non ne erano sicuri di ciò che gli autori tentavano di raggiungere. “Non ci è chiaro quale fosse l’obiettivo”, ha detto Kevin Mahaffey, direttore della sezione tecnologica di Lookout, “Potrebbe essere qualunque cosa, da una rete di pubblicità malevola a un tentativo di creare una rete di bot”. Una rete di bot è un esercito di computer schiavi, utilizzati per lanciare attacchi e chiudere pagine Internet, o che diventano server di posta elettronica non desiderata. Senza dubbio l’apparizione di Geinimi sottolinea la preoccupazione per il fatto che i pirati stiano trasferendo agli attacchi verso i dispositivi mobili, dato che gli utenti lasciano sempre di più i loro dati importanti nella borsetta. I telefoni vengono infettati da Geinimi quando scaricano applicazioni di software in cui è stato incluso il virus, secondo i ricercatori di Lookout e Symantec Corp. Tra i programmi corrotti si trovano versioni dei videogiochi Monkey Jump 2, President vs Aliens, City Defense e Baseball Superstars 2010. I ricercatori di Lookout hanno dichiarato che fino ad ora hanno trovato programmi contaminati solo nei negozi di applicazioni di terze destinati al mercato cinese. Le versioni originali delle applicazioni nel mercato ufficiale di Android sembrano essere sicure.

ImTOO HTML to EPUB Converter è un programma innovativo che consente di convertire pagine web HTML in file di formato EPUB (formato eBooks) per poi poterli visualizzare su dispositivi come iPad, iPhone, iPod touch ecc…

SCARICA HTML TO EPUB CONVERTER (versione demo per Windows)

Caratteristiche:

1.Converte files HTML in EPUB (eBooks) per facilitare la lettura su tutti i dispositivi mobili compatibili con il formato EPUB.

2.Alta velocità di conversione ed elevata qualità

3.Permette di modificare alcune informazioni del file EPUB da creare come titolo, autore. Puoi anche creare la copertina del tuo eBook.

4.Tutti gli elementi presenti nel file HTML come testo, grafica, immagini, links resteranno inalterati dopo la conversione.

5.Il processo di conversione avviene in background per non assorbire le risorse per altre applicazioni.

6.Programma anche in lingua italiana.

Di seguito la schermata principale del programma:

ImTOO HTML to EPUB Converter

SCARICA HTML TO EPUB CONVERTER (versione demo per Windows)

Negli ultimi giorni sono apparsi online alcuni documenti ufficiali di AMD, contenenti nuove informazioni sulle tempistiche di lancio delle prossime generazioni di processore per sistemi desktop dell’azienda americana. Ci riferiamo nello specifico alle soluzioni Zambesi, piattaforme di fascia enthusiast basate su architettutra Bulldozer, oltre alle proposte Llano appartenenti alla serie Fusion.

processori della famiglia Zambesi saranno utilizzati con le piattaforme note con il nome in codice di Scorpius, abbinate al nuovo socket AM3+. Per queste CPU troveremo architettura sino a 8 core, tecnologia produttiva a 32 nanometri, cache L3 unificata da 8 Mbytes e nuova tecnologia AMD Turbo Core 2.0 per la gestione dinamica della frequenza di clock in funzione del carico di lavoro istantaneo praticato sul processore.

Assieme ai processori Zambesi, il cui debutto sul mercato è indicativamente previsto per il mese di Aprile 2011, AMD renderà disponibili anche nuove piattaforme chipset della serie AMD 900. Si tratta di evoluzioni della famiglia AMD 800 attualmente presente sul mercato, abbinate al nuovo south bridge SB950 e dotate in alcune versioni di supporto alla tecnologia CrossFire; mancherà nel nuovo south bridge il supporto alla tecnologia USB 3.0, venendo invece confermata quellaSATA 6 Gb/s.

Le soluzioni Llano abbineranno architettura di CPU sino a 4 core con GPU integrata, compatibile con le API DirectX 11. La tecnologia produttiva continuerà ad essere quella a 32 nanometri, con tecnologia AMD Turbo Core 2.0 e socket FM1 per la connessione con la scheda madre. Queste APU verranno abbinate a chip della famiglia Hudson con funzioni di south bridge, soluzioni che integreranno al proprio interno supporto sino a 16 periferiche USB alcune anche del tipo 3.0 unitamente a controller SATA 6 Gb/s.

Il debutto delle soluzioni Llano è previsto indicativamente per l’inizio del terzo trimestre 2011; è ipotizzabile che AMD possa utilizzare la cornice del Computex di Taipei, a inizio Giugno 2011, per mostrare questi nuovi prodotti assieme ai propri partner asiatici ma per il debutto sul mercato in volumi delle prime soluzioni sarà necessario attendere ancora alcune settimane dopo quell’importante evento.

Per le APU Llano AMD prevede al momento attuale 3 differenti versioni con TDP massimo pari a 100 Watt, includendo in questa misura sia la componente CPU come quella GPU. Queste soluzioni avranno architettura triple e quad core, mentre altre 3 versioni dual core sempre con GPU integrata verranno proposte con TDP massimo di 65 Watt sempre nel corso del terzo trimestre 2011.

 

Oggi vi propongo un  bel sito che parla degli ultimi sistemi operativi di casa Mac e di casa Win.

La particolarità di questo sito e che vi propone di installare sia il S.O. di casa Mac sia di casa Win su PC normali (inteso come PC non MAC) e di craccarne le licenze.

Inoltre vi mette a disposizione anche software di ultima generazione da integrare nei vostri sistemi operativi.

In pratica vi mette in condizione di lavorare con il vostro Windows 7 o Hackintosh in tutta libertà dandovi tutorial e materiale per farvi adoperare il vostro PC.

Inoltre mette a disposizione tantissimi link per aggiornamenti e software per questi due sistemi operativi.

Divertitevi

Il link del sito è QUI

Parliamo ora di tecnologia e più precisamente incominciamo a parlare del nuovo sistema operativo di Microsoft ovvero Windows 8. Questa notizia arriva da TechRadar che però ha lasciato la sua fonte anonima,  secondo questa fonte, microsoft è molto interessata al mondo videoludico e sicuramente il nuovo windows 8 sarà rivolto verso quella direzione. Infatti secondo le parole di questa fonte, il nuovo sistema operativo Microsoft darà un forte aiuto ai giochi studiati per pc. Questi saranno davvero fondamentali per il sistema operativo. Ma non pensate che il nuovo sistema operativo si trovi dietro l’angolo: infatti tutto questo non avverrà che fra qualche anno, in quanto il nuovo S.O non comparirà prima del 2012 e il suo sviluppo ancora è all’inizio.

Questa notizia viene anche supportata dalla recente assunzione in Microsoft  dell’ex-fondatore di Hewlett-Packard Rahul Sood, che comunque ha sempre sostenuto e apprezzato i vari lavori videoludici, quindi è da subito chiara l’attenzione verso questo settore da parte di Microsoft.

Tuttavia adesso vediamo quali sono le principali novità di questo nuovo sistema operativo che sono sicure e che ci sono giunte fino ad ora, nonostante gli sviluppi siano piuttosto arretrati.

Accedere al Pc con il proprio volto
Se collegheremo una telecamera al nostro pc, non avremo più la necessità di utilizzare alcuna password, infatti il noto sistema operativo di Microsoft riconoscerà il nostro volto e aprirà la sessione di windows.

Scaricare i programmi dal Windows App Store
Avremo la possibilità di scaricare da uno store i vari programmi, proprio come succede con l’iphone o l’ipod.

Resettare il Pc senza cancellare i dati
Questa invece è una funzione di un certo interesse. Infatti potremo portare il computer allo stato iniziale, senza però eliminarne i dati.

Avviare il Pc velocemente
Avremo un avvio supersonico. Infatti grazie ad un nuova tecnologia il nostro computer si accenderà in pochi secondi.

Touch Screen
Infine c’è il touchscreen che è ormai diffusissimo e anche Windows 8 avrà un certo riguardo per questa nuova tecnologia.

Non ci resta che aspettare nuovi dettagli! Restate con noi!

Una diabolica software house prova a mischiare sacro e profano, sviluppando un videogame porno per il fantasioso sensore Xbox. Ma la benedizione di Microsoft non c’è

Roma – L’arrivo dei driver open source inizia a dare i suoi frutti. In questo caso però, si parla di frutti del peccato. ThriXXX Software sta infatti sviluppando un videogame pornografico per PC, basato sul motion tracking della nuova periferica Xbox 360. Ma dalle parti di Redmond preferirebbero non associare l’immagine di Kinect al cybersex. 

Nella pruriginosa demo tecnica mostrata di recente (visibile qui sotto), l’utente può interagire senza alcun controller con una serie di donnine scollacciate e “toccare con mano” le forme poligonali di queste ragazze. La software house, specializzata in sex game ed Hentai, sta pensando di adattare a questo libidinoso sistema virtuale anche i suoi giochi piccanti già usciti, per colmare una “lacuna” nel parco titoli dei motion controller.

Inizialmente Microsoft non aveva commentato la vicenda ma il rischio che un titolo a tripla X, vietato ai minori, possa diventare il primo videogioco Kinect a raggiungere Windows 7, deve aver fatto scattare l’allarme interno. In una intervista al portale IGN, un rappresentante del colosso di Redmond ha chiarito che un prodotto dai contenuti hard non sarà assolutamente tollerato o certificato, perché “Kinect è stato pensato l’intrattenimento di tutta la famiglia”.

Dato che l’autorizzazione per usare la tecnologia in questo modo è venuta a mancare, molto probabilmente ThriXXX dovrà rinunciare al gemellaggio porno-Kinect per non finire in tribunale. Ma non sarà facile fermare in eterno il cammino di prodotti dall’animo bollente o underground, dedicati al sottobosco PC, che diventano fruibili sul computer con la complicità di driver altrettanto ufficiosi.

fonte: punto-infotmatico.it